Capitana coraggiosa

L’ho scritto già diverse volte, ma penso che sia sempre molto difficile per chi non abiti o abbia abitato in Israele capire quale veicolo sociale sia l’esercito. Zahal, l’acronimo in ebraico di Esercito di difesa israeliano, è ancora uno dei principali punti di aggregazione del paese, farne parte è visto come un merito e non come una punizione. Quella che da fuori è percepita come una macchina da guerra in realtà è un fattore fondamentale nella crescita dell’israeliano medio, e Adas Daniel, l’eroina di questa storia è un’ulteriore dimostrazione di come determinazione, coraggio e forza di volontà possano cambiare un destino a prima vista già segnato.

Adas (Mirto in ebraico) è l’esempio vivente della complessità del caleidoscopio israeliano. Sua madre è un’etiope di fede ebraica, suo padre è un beduino musulmano, a 12 anni Adas lascia la città natale di Ofakim ed insieme alla madre e alla sorella maggiore si trasferisce nel villaggio beduino di Rahat, non lontano da Beer Sheva.  La distanza geografica è di poche decine di chilometri, ma il cambiamento di usi e costumi è scioccante. La ragazza scopre che il padre, nonostante la legge israeliana lo proibisca, ha più mogli e tutti abitano nelle stesse palazzine.

In pieno periodo adolescenziale la ragazza deve cambiare completamente le sue abitudini, comincia a vestirsi con abiti tradizionali e capisce molto presto che il suo ruolo nella società dove vive è relegato all’aiuto domestico. Nonostante continui a rimanere attaccata alle tradizioni ebraiche, inevitabilmente l’Islam entra di prepotenza nella sua vita. Si arriva a situazioni assurde per le quali Adas dovrà digiunare sia durante il periodo del Ramadan musulmano sia nella ricorrenza del Yom Kippur ebraico.

Il primo grande colpo di scena avviene quando la ragazza ha 15 anni e si fanno avanti le prime proposte di matrimonio. Adas e la sorella maggiore decidono a questo punto di cambiare aria e cominciano a pianificare una fuga da una realtà ormai insopportabile. Gli ostacoli sono enormi, le ragazze non hanno mai avuto la possibilità di muoversi liberamente, e anche acquistare un biglietto del bus diventa un’impresa, semplicemente non lo hanno mai fatto. Dopo notti di preparazioni e pianificazioni alla fine le sorelle prendono un treno per arrivare il più lontano possibile, destinazione la città di Kiriat Shmonà, situata a pochi chilometri dal confine col Libano. Alla fine optano per una soluzione più pratica, scendono all’ultima fermata della linea ferroviaria che porta al nord ed arrivano a Naharia, anche questa una città vicino al paese dei cedri.

La sensazione dell’improvvisa libertà è inebriante, affittano un appartamento, vedono per la prima volta il mare, ma bastano solo 4 giorni prima che i parenti della famiglia scoprano la loro nuova dimora. Il battibecco che si sviluppa sul pianerottolo insospettisce i vicini (in Israele nessuno si fa mai i fatti suoi) che chiamano la polizia, la quale affida le ragazze ai servizi sociali della città. Aviva, la sorella maggiore di Adas è ormai maggiorenne e decide di lasciare la città e trasferirsi altrove, mentre Adas viene data in affidamento ad una famiglia locale. Ci vorranno altri due anni prima che la ragazza possa rivedere la madre, dopo che quest’ultima decide di separarsi dal marito.

Uno degli obiettivi di Adas è quello di arruolarsi nell’esercito, lo vuole sia per cambiare completamente il suo stile di vita, sia per onorare la memoria di un suo fratellastro ventenne morto durante il servizio militare. I beduini possono arruolarsi nell’IDF come volontari. E qui viene fuori la straordinaria determinazione di questa ragazza: l’esercito la vorrebbe esonerare, ma la testardaggine del futuro ufficiale ha la meglio e poco prima del suo 20simo compleanno riesce finalmente ad arruolarsi.

In questi ultimi sette anni Adas ha fatto carriera, è diventata capitano ed ha un incarico di grande responsabilità considerato Top Secret. Per i suoi meriti ha ricevuto un’onoreficenza dal Capo di Stato Maggiore. Adas abita attualmente, insieme al suo fidanzato, in un kibbutz a pochi chilometri dalla striscia di Gaza e a meno di mezz’ora di macchina dal villaggio del padre col quale ha reciso completamente i contatti. Dal giorno della sua fuga Adas non ha più rimesso piede a Rahat, non sa quali possano essere le possibili reazioni del ramo beduino della sua famiglia e preferisce non rischiare.

Nella sua complessità, origini etiopi, cultura beduina, religione ebraica, influenza musulmana, vita laica, Adas non è affatto un’eccezione per chi vive in Israele. E’ semplicemente un ulteriore tassello di uno straordinario mosaico che non finirà mai di stupirmi per la sua bellezza e la sua varietà di colori.

 

Per chi arriva la prima volta in Israele, sicuramente una delle prime cose che saltano all’occhio sono le migliaia di soldati di leva che girano normalmente con un mitra sottobraccio fra gli sguardi indifferenti dei passanti. E’ molto difficile spiegare a chi è a digiuno delle norme di comportamento della società israeliana quale ruolo ricopra l’esercito nel contesto nazionale.

Ma questo io posso capirlo benissimo. Ai miei tempi (spero di non essere troppo patetico), anta e passa anni fa, quando in Italia la naja era ancora obbligatoria, chi si faceva incastrare era considerato un autentico sfigato. essere arruolato significava non avere gli agganci, le protezioni e le giuste conoscenze, non dico per farsi esonerare completamente, ma almeno per imboscarsi vicino a casa.

In Israele, almeno per ora, è l’esatto contrario. Arruolarsi e far parte dell’IDF è motivo di orgoglio e di prestigio. Una cosa ancora più inconcepibile se teniamo conto che la leva obbligatoria dura tre anni per i ragazzi e due per le femmine. Il ruolo e l’influenza dell’esercito israeliano sono così grandi che necessitano un post a parte, che prima o poi scriverò.

Ma il post di oggi è la dimostrazione più lampante di quanto sia importante far parte, seppure in maniera limitata, di un apparato che riesce ancora a raggiungere percentuali di consenso a livello nord coreano fra la popolazione israeliana. L’82% della popolazione è convinta che l’esercito sia l’istituzione più credibile, lasciando staccatissimi il potere giudiziario (58%), la polizia (53%) e il governo (40%), per non parlare dei politici sui quali stendo un pietoso velo.

Probabilmente Zahal è uno dei pochi eserciti al mondo che abbia messo in piedi un programma per integrare nelle proprie file disabili afflitti dalla sindrome di Down e patologie similari. E’ chiaro che un progetto del genere non ha lo scopo di forgiare nuovi combattenti da impiegare al fronte. L’obiettivo è molto più profondo ed è un ulteriore dimostrazione di quanto ancora l’IDF faccia molto di più del dovuto per integrare nei propri ranghi fasce della popolazione che in teoria non avrebbero avuto nessuna chance.

Il programma, oltre ad aumentare l’autostima  dei candidati si preoccupa anche di sensibilizzare, attraverso i militari che vengono a contatto in maniera diretta con dei soldati diversi ma uguali, l’opinione pubblica e facilitare i partecipanti al progetto “in uniforne siamo uguali” ad inserirsi nel mondo del lavoro.

Chiaramente è un programma che non è adatto per tutti e ci sono diverse tappe da affrontare prima di concludere tutto il percorso previsto. Fra i requisiti necessari ci sono un’età compresa fra i 20 e 27 anni, un’autonomia sufficiente a muoversi in maniera indipendente, essere in grado di viaggiare sui mezzi pubblici, usare un telefonino ed avere la capacità di intrattenere dei rapporti personali basilari.

In cambio le unità considerate adatte ad integrare nelle proprie fila questa popolazione disabile, si impegnano a coinvolgergli in incarichi significativi e all’altezza delle loro capacità. Ogni disabile viene seguito da una specie di soldato mentore che ha passato uno speciale corso per essere in grado di acquisire gli strumenti necessari per affrontare una situazione del genere.

Le varie tappe da attraversare prima di essere arruolati e considerati militari a tutti gli effetti comprendono un periodo di volontariato in una base logistica dell’esercito e un breve periodo di addestramento nella Gadnà, un corpo paramilitare che fornisce una prima infarinatura del comportamento da seguire in un apparato basato su gerarchie, simboli, gradi, armi, uniformi e comportamenti disciplinari assolutamente estranei alle nuove reclute. Come ogni altro gruppo ristretto, anche l’esercito ha tutto un mondo di sigle, modi di dire e comportamenti che si possono apprendere solo sul campo.

Il servizio militare vero e proprio dura un anno, durante il quale vengono appresi anche maniere comportamentali che saranno utili nella vita civile: cautela nelle strade, trasporto pubblico, rispetto della privacy, rapporti di amicizia, educazione sessuale e miglioramento della condizione fisica attraverso lo sport e tutta una serie di attività, come la discesa in corda doppia, che costituiscono una serie di “sfide” personali per poter dimostrare prima di tutto a se stessi che molti ostacoli che sembravano insormontabili non sono poi così ostici.

Una volta terminato tutto il percorso compreso il servizio militare vero e proprio c’è anche l’oppurtunità di continuare a rimanere nei ranghi dell’esercito, questa volta come dipendente civile del Ministero della Difesa israeliano. Il progetto è stato ideato nel 2005, ed è diventato operativo nel 2009, da allora sono decine il numero di disabili che partecipando al programma “in uniforme siamo uguali” hanno fatto un piccolo passo in più per rendere in definitiva più agevole l’inserimento nella società esterna che, inevitabilmente, prova una certa ritrosia a confrontarsi coi diversi.

Immagino che chi non è a contatto con la società israeliana possa non identificarsi con iniziative del genere, il solo fatto di vedere così tanti ragazzi armati in giro per il paese crea a molti un senso di una paese estremamente militarizzato, completamente in antitesi col tranquillo mondo occidentale. Ma questa è la realtà israeliana, e ben vengano iniziative del genere che non fanno che aggiungere un senso di aggregazione a ragazzi che altrimenti vivrebbero ai margini della società.

POPOLARE O PROFESSIONISTA? L’ESERCITO ISRAELIANO A UNA SVOLTA

POPOLARE O PROFESSIONISTA? L’ESERCITO ISRAELIANO A UNA SVOLTA

Sono ormai più di trent’anni che l’IDF, l’esercito israeliano, rimanda continuamente una decisione che influerà in maniera drastica la sua futura struttura e, in definitiva il suo ruolo e il destino di Israele.

Nonostante il 50% dei possibili arruolabili di ogni scaglione non venga preso in considerazione, parliamo di ebrei ortodossi e arabi, il restante 50% è ancora un numero superiore alle reali necessità del paese. Ma da quando è stato fondato Israele vive su un mito ancora inattacabile, e cioù il fatto che l’esercito è considerato “l’esercito del popolo”, se vogliamo tradurre alla lettera l’espressione ebraica.

Niente da paragonare agli slogan appartenenti alla Cina comunista di Mao o all’Armata Rossa, semplicemente il fatto più banale che l’IDF è stato da sempre un fattore coagulante di un paese che assorbiva popolazioni provenienti dai più svariati angoli della terra ed appartenenti a costumi e lingue differenti.

Continua a leggere

Gli esami di settembre

esami

“Settembre andiamo, è tempo di migrare”. Molti di voi sanno già che si tratta dell’inizio de “I pastori” una poesia di Gabriele d’Annunzio che mi sono dovuto sorbire ai tempi del liceo e di cui mi ricordo molti passi a memoria. Settembre si avvicina ed è  giunta l’ora di tracciare un bilancio più o meno definitivo di questo anomalo conflitto durato cinquanta lunghi ed in parte inutili giorni. L’accordo in corso infatti, ricalca esattamente la prima proposta egiziana presentata una settimana dopo l’inizio delle operazioni, allora il bilancio dei morti palestinesi era di 225. E’ passato un mese ed il numero dei caduti palestinesi è arrivato a 2100 e oltre 12.000 feriti, non deve sorprendere dunque il malcontento che serpeggia all’interno della popolazione di Gaza. Continua a leggere

La solitudine dei numeri primi

 

nethanyau

Non riesco a ricordarmi un periodo della sua vita in cui Bibi Nathanyau fosse più solo di quello attuale. Non è che non abbia passato dei brutti momenti, anzi, ma a differenza di adesso c’era sempre la sensazione che avesse una base su cui contare ed un programma con il quale trascinare ministri, deputati ed elettori. L’impressione odierna è che il primo ministro israeliano sia diventato prigioniero della sua retorica e dei suoi proclami anti terrorismo con i quali aveva da sempre costruito le sue campagne elettorali. Da tempo l’uomo forte della politica israeliana è stato superato a destra da personalità almeno sulla carta ben più radicali, e Nathanyau si ritrova ancora una volta di fronte ad un bivio del quale avrebbe fatto volentieri a meno: da un lato avviare un compromesso con quello che ancora adesso è considerato da tutti un pericoloso gruppo terroristico, o come alternativa inserire nella trattativa Abu Mazen, considerato fino ad un paio di mesi fa debole, inaffidabile ed inacettabile come possibile controparte di una qualsiasi trattativa di pace. Continua a leggere

La luce in fondo al tunnel

מנהרות

A dodici giorni dall’inizio dell’operazione “roccia possente” e ventiquattrore dopo l’inizio dell’operazione terrestre è ancora troppo presto per tracciare un  bilancio definitivo ma si possono perlomeno definire le direttive entro le quali si muoveranno Hamas, Israele e i paesi mediatori. Continua a leggere

La giusta sintonia

Il logo di Galei Zahal

Il logo di Galei Zahal

Israele vive sui paradossi: laica ma impregnata di spiritualità, profondamente socialista nelle radici ma con una solida economia capitalista, informale nel comportamento ma critica nei confronti dei suoi leader e detentrice di un esercito, Zahal, che oltre ai tradizionali compiti di difesa è così presente nel tessuto sociale da occuparsi anche di educazione, spettacoli, concerti e integrazione delle varie etnie che formano lo Stato. Continua a leggere