Dalla Russia con amore


 

A quanto pare non bisogna essere un addrestatissimo ed intrepido agente segreto per riuscire a compiere imprese impossibili ad un primo sguardo. Molte volte basta l’incoscienza e un pizzico di fortuna. Così è successo ad un 31enne israeliano di nome Ben Zion, cosa non sufficientemente accertata, che è riuscito ad entrare nella moschea del profeta Maometto a Medina.

La dinamica del “colpaccio” di Ben Zion non è ancora completamente chiara, di sicuro c’è una sua immagine postata sul suo conto instagram in cui compare vestito con abiti locali insieme ad un suo amico. La pubblicazione della foto, la facilità con la quale un infedele, per di più israeliano, sia riuscito a superare un ostacolo da molti considerato insormontabile, ha scatenato una furiosa reazione sui social network arabi. In un intervista ad un canale israeliano Ben Zion ha affermato di aver visitato la moschea nel corso di una viaggio privato, “volevo vivere un’esperienza culturale e sociale” ha affermato, “Ho visitato la tomba del profeta Maometto prima di entrare nella moschea, e quando ho spiegato che ero ebreo e venivo da Gerusalemme, nessuno mi voleva credere” ha aggiunto. Non è la prima volta che Ben Zion è riuscito a visitare paesi arabi che non hanno nessun legame diplomatico con Israele grazie al passaporto russo in suo possesso. Bisogna dire che l’aspetto di Ben Zion non ricorda assolutamente lo stereotipo russo, l’indesiderato visitatore è di carnagione scura e può benissimo essere scambiato per un arabo. Anche il suo inglese non ha nessun accento che possa tradire una provenienza slava o israeliana. La foto pubblicata su instagram per tranquilizzare i suoi familiari è stata resa pubblica dai suoi amici, ha ricevuto migliaia di like ma ha anche esposto Ben Zion a delle esplicite minacce di morte. C’è chi lo considera un agente del Mossad, chi un ebreo ortodosso in cerca di provocazioni, ma c’è anche chi considera questo avvenimento come un ulteriore conferma del rafforzamento delle relazioni non solo diplomatiche fra Arabia Saudita e Israele. A questo punto caro Nasrallah permettimi un mio spassionato consiglio: attento alle spalle!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...