Il milite ignoto


יום הזיכרון

Ventitremilacinquecentoquarantaquattro. E’ il numero dei caduti israeliani durante tutta la storia del sionismo. E’ un numero che aumenta ogni anno e che probabilmente aumenterà anche nei prossimi dodici mesi.Domenica, alle otto di sera, il fischio della sirena darà inizio a Yom ha zikaron, il giorno in cui si ricordano non solo tutti coloro che sono morti durante il servizio militare ma anche le vittime del terrorismo. Durante tutta la giornata la televisione farà scorrere tutti i loro nomi con dei brevi cenni biografici e tutti gli altri canali televisivi si occuperanno esclusivamente del tema della memoria, di come onorare degnamente il loro ricordo. Ognuno di noi ne ha conosciuti personalmente alcuni: familiari, compagni di scuola, colleghi nel lavoro, vicini di casa. Persone vere, in carne ed ossa, che non ci sono più. Una giornata emotivamente molto triste, per molti intollerabile.

Uno dei testi più usati nelle cerimonie che si susseguono in tutto il paese è la seguente poesia di Yehuda Amihai. Mi piace molto perchè riesce a coniugare il senso del dolore che accompagna tutti noi con la ferrea volontà di poter dare a tutti noi un posto dove potersi raccogliere con chi più ci è caro.

Non abbiamo soldati senza nome

Non abbiamo soldati senza nome

Non abbiamo la tomba del milite ignoto

Chi vuole deporre una corona di fiori

Deve prima scomporla in molti fiori

E spargerne i petali

E tutti i caduti ritornano a casa

E per ognuno un nome

Anche per te Yonatan

Alunno mio, il nome del registro di classe

E’ lo stesso della lista dei caduti

Alunno che eri

Con un nome

Col tuo nome

Ultimamente ero seduto accanto a te

Sulla camionetta, nella strada battuta vicino a Ein Ghedi.

La polvere si alzava dietro di noi

E non potevamo vedere i monti

La polvere nascondeva quello che doveva succedere

tre anni più tardi. Adesso

Anche coloro che non l’hanno conosciuto

Amatelo anche dopo la sua morte

Amatelo: adesso è un caduto

Un caduto la cui forma è la sua forma

E il nome è il suo nome

Aggiungo anche il link di una canzone “Mamma, papà e tutto il resto” scritta da Reuven Politi, caduto nella guerra del Yom Kippur. La canzone fa parte del progetto musicale di Galei Zahal del quale avevo scritto in un mio post precedente. La musica è di Idan Raichel. Le parole del ritornello sono: ” Non siamo degli eroi poichè il nostro è un lavoro sporco/tramonterà il sole verranno le tenebre/ci addormenteremo vestiti sulle brande/si mamma, è importante, è duro ed è terribile

Sia il loro ricordo benedetto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...